QUANDO UN’AMMINISTRAZIONE FA CROLLARE PIU’ PALAZZI DI UN BOMBARDAMENTO

17 12 2010

Ora basta, mandiamoli via!

CARRARA È UNA CITTÀ TRANSENNATA!

L’insostenibile inettitudine dell’amministrazione comunale

 

Lunedì 13 dicembre ci siamo recati nei locali Germinal nel Palazzo del Politeama e, con nostro grande disappunto, abbiamo scoperto che durante un intervento tecnico eseguito dagli esperti della Caprice, presente anche l’esimio luminare prof. Bartelletti, dovendo rimuovere una parte del parquet del salone, per non perdere cinque minuti in più non si sono fatti scrupoli a spaccare i listelli di legno che ricoprono da più di cent’anni il pavimento. Tutto questo nel più totale disprezzo della storicità del palazzo, e senza interpellare la sovrintendenza delle belle arti che già aveva un vincolo sull’intero salone.

E non solo: verificando la stabilità dei puntelli ci siamo accorti che molti di loro sono instabili, non sono più in tensione.

Ora noi ci chiediamo:

quell’amministrazione che in molte dichiarazioni pubbliche ha affermato di tenere a cuore le sorti del palazzo che ospita il più grande teatro lirico della Toscana (oramai ex) ha qualche giustificazione per la sua latitanza?

Aldilà (visto che si sta parlando di un palazzo storico di fatto decretato morto) delle fumose e altisonanti affermazioni pubbliche, fa realmente qualcosa per restituite alla cittadinanza un bene culturale come il Politeama Verdi?

Considerando ciò che abbiamo rilevato nei locali del Germinal crediamo proprio di no!

Se non ci fossimo accorti noi del grave stato di deterioramento dei puntelli, messi apposta per sorreggere il malandato palazzo, quando se ne sarebbero accorti, al momento del crollo definitivo?

Quanti e quali controlli periodici vengono fatti? Esiste un monitoraggio dello stato dell’edificio?

Crediamo proprio di no.

Del resto cosa ci si può aspettare da un’amministrazione i cui tecnici, indagati, vengono riconfermati in incarichi di controllo di altri crolli (via Carriona).

Cosa ci si può aspettare da un’amministrazione che di fronte a evidenti segnali di degrado di edifici pubblici, altro non sa fare che sperticarsi in deliranti “non c’e problema” mentre i vigili del fuoco evacuano lo stabile (Biblioteca).

Cosa ci si può aspettare da un’amministrazione che, di fronte ad esperienze nel sociale funzionanti, altro non sa fare che ostacolarle per riportare il recupero sociale al vuoto cosmico che questa città vogliono che abbia (Carrara Underground)

Cos’altro ci si può aspettare da un’amministrazione che, come ebbe a dire qualcuno pochi giorni fa, “ha fatto più danni dei bombardamenti in tempo di guerra”.

E cosa dobbiamo fare come cittadini?

Rilevare quell’insostenibile inettitudine dell’amministrazione che ha portato Carrara ad essere la città della transenna e degli spazi sottratti e pretendere che ciò non accada più.

Le amministrazioni passate hanno fatto i danni che hanno fatto, questa li sta facendo: impediamo che questo continui e che le future amministrazioni non li perpetrino.

Lottiamo per restituire alla cittadinanza quei beni che sono suoi di diritto e quegli spazi sociali che ogni comunità civile che tale si vuol considerare deve avere.

Basta: vogliamo l’immediato smantellamento degli abusi edilizi.

Basta con l’inettitudine, basta con l’incapacità. È ora che i carrarini facciano sentire la propria voce, che è sempre stata alta e libera!

 

Gruppo Germinal-FAI Carrara

Circolo Culturale Anarchico Goliardo Fiaschi

Associazione Archivio Germinal

 

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: