Il tempo… non è denaro

27 03 2012

Il quinto incontro del ciclo Realtà <–> Utopia sarà dedicato alla banche del tempo ed alle forme di mutuo appoggio e scambio non monetario.

Nelle società postindustriali non si riesce più a riconoscere il proprio vicino, i luoghi della socializzazione diminuiscono o perdono di senso, cresce l’isolamento degli individui. L’originalità delle Banche del Tempo (BdT) consiste nel fatto che esse non riducono il cittadino né ad un lavoratore, né ad un consumatore. E’ un sistema di scambio non monetario ovvero un’esperienza in cui gli aderenti, su base volontaria, si scambiano beni e servizi senza l’intermediazione del denaro, secondo un rapporto di reciprocità. La BdT in particolare si basa sullo scambio gratuito di “tempo”, ciascuno mette a disposizione qualche ora per dare ad un altro una certacompetenza. Le “ore” date vengono “calcolate” e “accreditate” o “addebitate” nella banca. Può succedere così, che non sia la stessa persona a “rimborsarle”, ma un’altra. Tutti gli scambi sono gratuiti; solo è previsto un rimborso spese (per esempio, per i mezzi di trasporto o eventuali materiali utilizzati nel lavoro svolto) e una quota associativa, per lo più annuale, variabile da Banca a Banca. Ogni ora viene valutata per un’ora, indipendentemente dal valore monetario del tipo di prestazione svolta.

Nate una ventina di anni fa in Emilia Romagna, nei primi anni duemila hanno conosciuto un notevole sviluppo e sono state oggetto di decine di tesi di laurea, di centinaia di articoli, interviste, pubblicazioni. La particolare attività coinvolge persone assai diverse per età, condizioni sociali e culturali. Gli iscritti sono in prevalenza donne (circa 70 percento). L’età media si sta progressivamente abbassando in quanto l’utilizzo costante dell’informatica(mail e web) ha coinvolto anche le fasce giovani della società.

Il fine ultimo è cercare il benessere sociale e individuale attraverso le relazioni interpersonali, piuttosto che con il consumo di beni, concepire l’attività economica non solo in una logica individualistica, ma anche di reciprocità al fine di favorire dinamiche di socializzazione.

Interverranno:

Paolo Coluccia, pedagogo ed esperto di cultura della reciprocità

Luigi Tomasso, gestore di www.banchetempo-flash.it e autore della Guida pratica alle Banche del Tempo

 

SABATO 31 MARZO ORE 18:00

SALA DELLA RESISTENZA DEL COMUNE DI CARRARA

A SEGUIRE APERITIVO

 

Advertisements

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: