…Che la guerra l’avete voluta…

14 11 2016
14917075_10211021545725703_7248610382229938741_o

Per opporci alla guerra oggi come ieri

Per chi arrivava all’imbrunire dall’ingresso di via Roma nella piazza Gramsci, “O Gorizia tu sei maledetta” si sentiva già bene all’altezza dell’accademia di belle arti. Il “Coro  Viandante” ha avviato l’appuntamento, rieccheggiando proprio nello stesso luogo, un anno dopo i fatti del 2015. Dal 4 novembre dell’anno scorso infatti diverse persone canterine, si ritrovano regolarmente presso il circolo omonimo di Carrara per dar voce a un repertorio popolare che racconta di lotte, di guerre, di lavoro, di fame..
In un secondo momento poi la cosa si è spostata in biblioteca. Dopo una breve introduzione, interessante e precisa sulle motivazioni che hanno spinto a questa giornata, che ha ribadito che il 4 novembre non è la festa della vittoria dell’Italia nella prima guerra mondiale, come alcuni ancora pretendono, ma il giorno della sconfitta di tutti: quelli che la guerra l’anno voluta e quelli che l’anno soltanto subita. Una iniziativa per ricordare i giusti che si sono opposti a quel macello, quelli che hanno preferito la vita alla “bella morte” imposta dai governanti.
La presentazione di Marco Rossi è stata seguita da circa quaranta persone che sono affluite alla sala Gestri della Biblioteca Comunale. Durante la presentazione del suo libro “Gli ammutinati delle trincee. Dalla guerra di Libia al primo conflitto mondiale 1911-1918”, Marco si è addentrato nelle storie derivanti dai suoi studi derivati dalle lettere dei soldati al fronte e dalle carte d’archivio, analizzando i vari aspetti della “guerra nella guerra”, soffermandosi sui molteplici atti di insubordinazione e rivolte che vi sono state durante quella guerra, da parte di coloro che non avevano alcuna intenzione di dedicarsi all’inutile massacro, ma che vi furono costretti e condannati, in molti casi fucilati per vie sommarie.
l’iniziativa poi si è spostata e conclusa con una cena sociale al circolo arci Il Viandante”, dove si sono unite altre persone. Il fatto di aver differenziato e allargato gli appuntamenti, ha dato la possibilità a tutti coloro che volevano essere presenti, ma per vari motivi non avrebbero potuto, di venire ad almeno una delle fasi della giornata.

Advertisements

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: